HOME   CULTURA EVENTI NIGHT LIFE SPORT TURISMO   COMUNI
NEWSLETTER AGRITURISMI |  AZIENDE |  IMMOBILIARI |  RICETTIVITÀ |  RISTORO |  SHOPPING |  CONVENZIONI  CONTATTI
CASTRUM SARNANI: TORNA IL MEDIOEVO A SARNANO
pubblicato il 03/08/2013 

Anche quest'anno a Sarnano (MC) si rinnova l'appuntamento con il Medioevo. Dall'8 al 18 agosto 2013 il centro storico si tufferà nell'atmosfera dell'età di mezzo, quando Sarnano si era appena costituito libero comune e i vicoli erano animati dal passaggio di pellegrini e negromanti, le botteghe risuonavano dei rumori degli antichi mestieri e non era raro assistere a duelli tra impavidi cavalieri. Questo è "Castrum Sarnani, il Medioevo che... ritorna", manifestazione giunta ormai alla sua VI edizione, organizzata dall'Associazione Tamburini del Serafino con il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Macerata, del  Comune di Sarnano, della Comunità Montana dei Monti Azzurri e della Camera di Commercio di Macerata.

Il progetto, nato nel 2008 dall'idea del Gruppo Tamburini del Serafino, si è sviluppato negli anni coinvolgendo sempre più giovani sarnanesi con una forte passione per il proprio territorio, intenzionati a promuoverlo e farne conoscere il patrimonio storico e culturale.  L'appuntamento attira ogni anno migliaia di  turisti e visitatori, facendo loro rivivere le atmosfere medievali rese uniche dall'ambientazione suggestiva del borgo di Sarnano, perfettamente conservato con i suoi vicoli e le sue antiche mura.

La rievocazione prenderà il via con l'apertura della trentennale Taverna della Luna presso la quale, dall'8 al 18 agosto, sarà possibile gustare piatti tipici dell'epoca, preparati esclusivamente con ingredienti esistenti nell'Europa medievale, serviti da personale in costume del tempo, il tutto allietato da spettacoli di mangiafuoco, danzatrici, musici e cantastorie.

Dal 10 al 13 agosto si entrerà nel vivo della manifestazione. Le vie dell'antico borgo saranno animate da giullari, musici, danzatrici, duelli di scherma medievale, antichi mestieri, arcieri, saltimbanchi, sbandieratori e tamburini. All’ingresso  turisti e visitatori si imbatteranno, inoltre, nel banco del cambiamonete: per immedesimarsi pienamente nell'atmosfera dell'epoca, infatti, all'interno del “Castrum” si potranno fare acquisti solo con l'antico conio medievale, il denaro. Le osterie del borgo permetteranno ai viandanti di ristorarsi gustando veloci spuntini e bevande tipiche dell'epoca, come la cervogia e l'ippocrasso serviti da operosi monaci dediti all'arte della distillazione.

Nelle quattro serate particolare attenzione ai più piccoli  con “Il medioevo dei bambini”, un programma dedicato ai giovani visitatori del Castrum che verranno arruolati da simpatiche animatrici che li vestiranno in abiti medievali per poi coinvolgerli in giochi di abilità all’interno del centro storico e in altre attività ludiche come la ricerca della principessa scomparsa o la nomina a cavaliere che trasformeranno la visita del borgo in un'esperienza indimenticabile.

L'11 agosto, accompagnato dal suono delle campane della torre civica, si snoderà per le vie del paese il corte storico commemorativo delle antiche istituzioni sarnanesi, preceduto dai rulli di tamburi del Gruppo Tamburini del Serafino. Dietro lo stendardo del Serafino, l'angelo a sei ali, antico stemma del Comune, sfileranno le autorità civili e religiose, il Podestà e i Priori delle quattro contrade, madame e messeri, damigelle e paggetti.

A conclusione della kermesse, il 18 agosto avrà luogo "In taberna quando sumus” una serata speciale alla Taverna della Luna allietata da un susseguirsi di spettacoli suggestivi e coinvolgenti per chiudere in allegria il ciclo di manifestazioni medievali.




Tags: castrum sarnani, eventi sarnano, feste medievali,
Giochi Link Meteo Radio TV web
Meteo Marche

 






Le Terre del Tartufo

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

 
 
BERT & ASSOCIATI sas - P.IVA 01343010433 - Registrazione Tribunale di Macerata n. 418/98