HOME   CULTURA EVENTI NIGHT LIFE SPORT TURISMO   COMUNI
NEWSLETTER AGRITURISMI |  AZIENDE |  IMMOBILIARI |  RICETTIVITÀ |  RISTORO |  SHOPPING |  CONVENZIONI  CONTATTI
PESARO URBINO. PERGOLA INVITA AL “RADUNO DI CAMPER A PASQUA”
In occasione delle festività pasquali, l’Associazione Pro Loco di Pergola organizza il “Raduno di Camper a Pasqua”. L’Area Camper attrezzata del paese è immersa nel verde e si trova proprio in prossimità del centro storico. Non ci sono piazzole predefinite e la sosta è gratuita. Per far conoscere meglio le bellezze del paesino marchigiano e dei suoi dintorni si è organizzato anche un programma aperto a tutti, con il seguente calendario:

Sabato 23 Aprile
ore 10 – 12 : accoglienza partecipanti, registrazione e sistemazione equipaggi, consegna del materiale illustrativo sul territorio, dove mangiare, cosa vedere, orari celebrazioni, itinerari nei dintorni, etc. e dei buoni partecipazione.
Da segnalare che il sabato mattina si svolge a Pergola il mercato settimanale nel centro storico
Ore 15,30: visita guidata alla città, nel centro storico
A seguire : aperitivo/merenda con degustazione di prodotti tipici locali


Domenica 24 Aprile
Ore 16,00 visita al Museo dei Bronzi Dorati e della Città di Pergola (www.bronzidorati.com)
Ore 19,30 serata organizzata dalla Pro Loco, cena con vino locale e prodotti tipici
Lunedì 25 Aprile
A seconda del numero dei partecipanti e delle richieste, si potranno organizzare una visita al Monastero di Fonte Avellana o ai Musei di San Lorenzo in Campo dove nel pomeriggio si svolge la Sagra del Castagnolo, o al Castello di Frontone con pranzo in cui assaggiare anche la tradizionale crescia o altri itinerari nei paesi limitrofi.
Le quote di partecipazione prevedono 35 euro a testa per gli adulti, 16 euro a testa per bambini da 6 a 14 anni, 10 euro a testa per bambini da 3 a 6 anni.

Per qualsiasi informazione sul raduno per camperisti a Pergola (Pesaro Urbino) ci si può rivolgere alla segretaria della Associazione Pro Loco di Pergola:
Simona Guidarelli al numero 333 4057338 o alla casella prolocopergola@valcesano.com

IL ROMANTICISMO VIAGGIA IN MONGOLFIERA SUI MONTI SIBILLINI
Era il 1783 quando il primo pallone aerostatico si innalzò nel cielo parigino, portando con sé curiosi e temerari. E più di duecento anni dopo la mongolfiera conserva intatto il suo fascino, continuando a rapire con i suoi colori e con il mistero della sua leggerezza. Simbolo per eccellenza del romanticismo e del sentimento libero di esprimersi, questo mezzo offre a tutte le coppie un’indimenticabile esperienza da vivere insieme, per conservarla tra i ricordi più cari.

Un’emozione che Maraviglia Travellers’ Company, tour operator marchigiano di grande prestigio, ha saputo catturare ed incorniciare nello splendido panorama dei Monti Sibillini, offrendo un sorprendente viaggio sopra gli antichi borghi e le dolci colline coltivate del maceratese. Un programma di due giorni su misura per tutte le coppie che vogliono cogliere l’occasione per rilassarsi e divertirsi insieme. Il pacchetto proposto, disponibile da maggio a settembre, prevede il pernottamento e la prima colazione in un elegante relais immerso nel verde di Castelraimondo, con Spa interna ad accesso illimitato per godersi momenti di puro benessere in coppia, e con la possibilità di riservare un piacevole massaggio relax per due. La seconda giornata è dedicata all’emozionante volo in mongolfiera, con partenza direttamente dal relais e con la guida di un pilota professionista.

A bordo, un indimenticabile brindisi con champagne tra le nuvole. La serata si concluderà con cena a lume di candela e pernottamento nel relais. Quest’angolo dell’entroterra marchigiano è così ricco di bei panorami e di suggestive strutture, che si avrà l’imbarazzo della scelta nell’integrare il pacchetto proposto con escursioni facoltative.Degni di nota sono i magnifici castelli di Lanciano e di Caldarola, gli scorci rocciosi offerti da Pioraco, il giardino pensile dell’Enoteca comunale di Matelica, la Pinacoteca civica di Camerino e le numerose abbazie e pievi di campagna disseminate negli incantevoli paesini del circondario.

Info: Maraviglia Travellers’ Company, tel: 071/2850, www.maravigliatravel.it, info@maravigliatravel.it

NUOVO SPOT PER LE MARCHE: DUSTIN HOFFMAN E BRYAN ADAMS PARTECIPANO COME ATTORE E FOTOGRAFO

Dopo lo spot televisivo dello scorso anno, “Marche le scoprirai all’Infinito”, nel quale Dustin Hoffman recita l’Infinito di Leopardi in un viaggio ideale tra le meraviglie delle Marche, il premio Oscar americano aderisce alla campagna promozionale 2011 della nostra regione. Stavolta Hoffman è fotografato in contesti istituzionali, ma anche con alcuni simboli della regione: calzature, fashion, agricoltura ed ambiente e leghera' la propria immagine ai prodotti del Made in Marche. A firmare gli scatti, il musicista, oggi fotografo di fama mondiale, Bryan Adams. Nelle foto apparirà il logo della Regione Marche, rielaborato appositamente da un grafico di Los Angeles, che ha utilizzato per l'occasione i colori del cuoio e la struttura della pelle, richiamando la grande tradizione calzaturiera delle Marche, fino a farne un marchio di qualità.

Il contratto con Dustin Hoffman e Bryan Adams è già stato sottoscritto dal presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca e dal dirigente del servizio Cultura Raimondo Orsetti. “Nel 2010 – dice Spacca – Dustin Hoffman è venuto nelle Marche per realizzare lo spot ‘Marche le scoprirai all’infinito’, oggi è la nostra regione che viene negli Stati Uniti. In questo modo vogliamo presentarci su un importante mercato turistico, suscitare, già nel momento della lavorazione della nuova campagna, interesse e curiosità verso questa operazione. Spot e scatti fotografici sono utili non solo per creare suggestioni che fanno conoscere la nostra terra, ma anche per arricchire il valore del lavoro dei marchigiani, dei nostri prodotti manifatturieri, dei vini, del fashion che infatti sono co-protagonisti della nuova campagna grazie agli scatti di Bryan Adams e al volto di Dustin Hoffman”.


IN VESPA LUNGO I SENTIERI DEL SAPORE IN VAL D’ASO
Riscoprire il piacere di un viaggio rilassante, di uno sguardo non frettoloso, di un contatto diretto con la natura. E farlo in un’atmosfera romantica e un po’ retro, dove la tradizione la fa da padrona. Affascinanti borghi medievali, un susseguirsi di colline e una distesa colorata di frutteti: è il tour in Vespa nella Val D’Aso, un’innovativa proposta del tour operator Maraviglia Travellers’ Company.

Viaggio emozionante e fuori dal tempo, il tour in Vespa comprende un percorso, con accompagnatore, attraverso i frutteti della Val D’Aso, per arrivare fino ai borghi piceni di Ripatransone, Montefiore dell’Aso e Moresco. Qui il panorama, che si estende fino al mare, lascia spazio ai colori ed ai profumi della terra, spettacolari soprattutto in primavera, con i frutteti in fiore, ed in estate, quando il momento della raccolta offre frutta freschissima.

Il percorso prevede anche un paio di soste gastronomiche: una in cantina con wine tasting e un’altra presso un’azienda produttrice di frutta e confetture. Sapori della natura in una terra a forte vocazione orto-frutticola e vinicola, punto di riferimento a livello nazionale nel settore. La Val D’Aso è infatti una zona che ospita numerose piccole aziende agricole, spesso produttrici di alimenti biologici: frutta fresca o sciroppata, confetture, succhi di frutta ed olive tenere ascolane. Molte anche le pregiate cantine dove è possibile acquistare direttamente i vini della tradizione marchigiana, come il bianco di Offida e il Rosso Piceno Superiore.

Un’occasione per scoprire e riscoprire le bellezze del territorio marchigiano attraverso un percorso che tocca tutti i cinque sensi, con la piacevolezza di un ritorno alla tranquillità e l’emozione di un’atmosfera declinata al passato. Il tour è disponibile da aprile a settembre ed ha una durata di circa 4-5 ore.

FERMO - ECCELLENZE FERMANE SPOPOLANO A LONDRA
Importante presenza fermana, grazie alla Camera di commercio, a “La Dolce Vita” di Londra, il più qualificato evento fieristico multi settoriale del Regno Unito, dedicato alle eccellenze Italiane: turismo, food & drink, via del vino, immobiliare style, cultura, arte, design, fashion. 

L’evento, che ha visto come protagoniste cinque aziende del Fermano, quattro dell’enogastronomia locale e una del marcato immobiliare, si è svolto dal 10 al 13 marzo. Eccellenze fermane presentate da Vincenzo Spinosi dell’omonimo pastificio, dal salumificio Cinque Ghiande, dall'azienda Tenute Rio Maggio, dall'azienda agricola Catalini, e dall'agenzia immobiliare Cella Shirley. Grande affluenza presso lo stand fermano, che ha ricevuto visite importanti, oltre a quelle di tanti inglesi interessati ad assaggiare i prodotti, ma anche a prendere contatti con i titolari delle aziende presenti per possibili scambi commerciali. 

Tra i visitatori Leonardo Simonelli Santi, presidente della Camera di Commercio italiana a Londra, e vicepresidente di Assocamere estero che si è complimentato con la delegazione fermana, guidata da Orietta Baldelli, componente della giunta camerale, che ha curato la spedizione a Londra. La stessa Baldelli ha partecipato ad un interessante incontro-dibattito, alla presenza di Massimo Momberti (direttore generale dell'Ice), di Paolo Cuneo dell'Agenzia informativa per gli investimenti italiani a Londra e di Marco Mancini, consigliere dell'Ambasciata italiana. 

“Abbiamo discusso molto sulla possibilità di trovare precisi accordi - ha detto la Baldelli – e su come mettere in piedi possibili scambi commerciali che vedano protagoniste le nostre piccole imprese del settore enogastronomico. L'importazione in Inghilterra delle nostre eccellenze avviene attraverso buyer che servono la ristorazione. Per il futuro abbiamo ipotizzato una più stretta collaborazione tra Enti ed agenzie di export, anche con il coinvolgimento delle Camere di Commercio, che potranno intervenire anche per supportare i nostri piccoli produttori nella registrazione dei propri marchi qualificati e certificati, senza i quali è difficile conquistare il mercato inglese”. La Baldelli ha, inoltre, espresso soddisfazione per l'interesse degli inglesi. Un grazie della Baldelli e dei produttori è andato ai signori Wilss, inglesi di madre lingua, da sette anni nel Fermano, che hanno curato nei dettagli l'organizzazione a Londra.

FERMO - TIPICITA' SUPERA LE ALPI E PARLA SPAGNOLO
Ospite ufficiale dell’edizione numero diciannove di “Tipicità: made in Marche festival”, è stata la provincia spagnola di Segovia. 

Un comprensorio territoriale di grande fascino, accomunato alla nostra Regione da un aspetto fondamentale: la pluralità delle attrattive. Di sicuro interesse per tutti gli amanti della buona cucina è la cultura gastronomica della Provincia di Segovia rinomata per l’abilità nel preparare piatti di carne, dagli arrosti, tra cui spicca l’ottimo agnello da latte, passando per gli insaccati fino al piatto principe della gastronomia castigliana, il cochinillo, maialino arrosto cotto lentamente e riconoscibile per la tenerezza delle carni. 

Altro vanto della cucina di Segovia sono i judiones de la Granja, piatto a base di fagioli apprezzato nel corso della storia da popolo e nobiltà. Ma come dicevamo, anche Segovia può essere considerata una provincia “al plurale”, molteplici sono i punti di vista dai quali si può apprezzare questa terra. Il turismo religioso, caratterizzato dalle vestigia di Santi tra i quali San Juan de la Cruz e Santa Teresa de Jesús. Ma anche il ricco patrimonio storico e culturale, risalente all’epoca romana e alle successive dominazioni, offrono al turista la possibilità di udire gli echi del passato attraverso svariati siti archeologici e le meraviglie architettoniche. 

Ma l’area si dimostra interessante anche per il fermento odierno dell’industria, della cultura e di tutte quelle meraviglie che contraddistinguono la regione di Castilla y Léon. Una provincia che promette di affascinare, che si è proposta al pubblico dal 19 al 21 marzo a Tipicità, in una serie di appuntamenti gustosi e, come nella miglior tradizione iberica, coinvolgenti. 

Ospite italiano è stata invece la provincia di Trapani, il lembo più africano della Sicilia e allo stesso tempo il più “siciliano”. Il Trapanese è di fatto uno scrigno, caratterizzato dalla presenza di perle quali Marsala, località resa celebre dal passaggio di Garibaldi, le rovine di Selinunte e il tempio di Segesta con il suo teatro greco, Erice, il suggestivo porto peschereccio di Mazzara del Vallo e Alcamo, celebre per la produzione vinicola e per le attrattive turistiche. A Tipicità il trapanese ha ammaliato i visitatori confondendo i sensi del pubblico attraverso i ricchi bouquet dei vini maturati grazie al sole del meridione, i sapori forti di piatti genuini che legano la tradizione della terra a quella dei porti, come la celebre pasta con le sarde.

SAPORI D’OLTRALPE A FALCONARA
Nel prossimo finesettimana (venedì 25, sabato 26 e domenica 27 marzo) la città di Falconara ospiterà la seconda edizione del Mercatino Regionale Francese Jocaba, in collaborazione con il Comune di Falconara e la Promec di Milano.

Presso gli stand, che verranno allestiti in Piazza Mazzini e nell’isola pedonale antistante, saranno esposti prodotti enogastronomici rigorosamente francesi, ma anche prodotti artigianali come stoffe, tovaglie, saponi e profumi della Provenza. L’orario di apertura sarà venerdì 25 dalle ore 14.00 alle 20.00, sabato 26 e domenica 27 dalle 10.00 alle 20.00, orario continuato.

IL 9 APRILE RAIDUE CON SERENO VARIABILE E OSVALDO BEVILACQUA A CASTELFIDARDO
Sereno Variabile”, la fortunata trasmissione di viaggi e turismo ideata e condotta da Osvaldo Bevilacqua su Raidue, farà tappa il 9 aprile a Castelfidardo, la patria delle fisarmoniche. Nella giornata di sabato scorso il conduttore e il suo staff sono stati ospiti del comune marchigiano.

Arte e artigianato, prodotti locali e cucina tipica, personaggi e curiosità, musica e tradizioni popolari, sport e natura saranno i temi propost
i. La puntata partirà da piazza Leopardi con il racconto di notizie e aneddoti sulla fisarmonica, la Battaglia di Castelfidardo e sulle caratteristiche della Selva. La trasmissione concluderà in bellezza dai giardini di Palazzo Mordini con sottofondo musicale dei maestri di fisarmonica e piano.


CAMERINO: PRONTI NUOVI PACCHETTI TURISTICI LEGATI AL TARTUFO
Ha riscosso grande interesse e partecipazione la proposta legata alla realizzazione di pacchetti turistici, finalizzati alla valorizzazione del tartufo e del territorio dell’Alto Maceratese.
Oltre trenta delle settanta strutture ricettive contattate, del territorio della Comunità Montana di Camerino, si sono dichiarate interessate al progetto ed hanno compilato una scheda di valutazione della qualità dei servizi offerti, ora al vaglio dei Tour operator.

L’iniziativa, a cui è stato dedicato un incontro nella sede della Scuola di Scienze Ambientali di UNICAM, è realizzata nell’ambito del piano “Valorizzazione del Tartufo dell’Alto Maceratese”, finanziato dalla Camera di Commercio di Macerata e dalla Comunità Montana di Camerino, sotto la direzione tecnico-scientifica del prof. Andrea Catorci della Scuola di Scienze Ambientali dell’Ateneo camerte. L’intenzione è quella di strutturare offerte di alto livello della durata di due/tre giorni o di una settimana, abbinando l’offerta al prodotto tartufo.

Per la fine del mese di marzo si prevede la messa a punto di almeno tre pacchetti turistici che saranno promossi con il nuovo catalogo di aprile/maggio. Intanto, un primo positivo riscontro della validità delle idee messe in campo è stato recentemente ottenuto alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo) di Milano, che lascia ben sperare per la futura riuscita del progetto.

Il prossimo evento in programma sarà il seminario dal titolo “Valorizzare il tartufo. L’importanza dei Consorzi di valorizzazione e l’opportunità delle Denominazioni Comunali (De.Co.)”, che si terrà il 1° aprile, alle 16.30, all’Auditorium Antica Pieve di Pieve Torina.

LO SPUMANTE VERDICCHIO ANTENATO DELLO CHAMPAGNE
Il 7 novembre 1577 nacque a Fabriano Francesco Scacchi, il personaggio che per primo dissertò sul metodo di spumantizzazione argomentando le peculiarità produttive e terapeutiche dei vini picanti o mordaci, sfatando il mito della primogenitura francese delle bollicine. 

L’orgoglio nazionale dei francesi, unitamente all’arte del saper vivere, ha contribuito a far conoscere ed apprezzare in tutto il mondo il fiore all’occhiello dell’enologia transalpina: lo champagne. Nulla sarebbe da rimproverarci al fine di un più consono posizionamento del prodotto marchigiano se Scacchi, non avesse per primo disquisito sull’argomento e dedicato un capitolo al metodo di spumantizzazione nel suo “De Salubri Potu Dissertatio”, un trattato dove descrive minuziosamente le caratteristiche produttive e terapeutiche dei vini rifermentati antesignani dei moderni spumanti, alcune decine di anni prima di Dom Pierre Pérignon, monaco benedettino a cui si attribuisce l’invenzione dello champagne. 

Chardonnay, Pinot Noir, Pinot Meunier, sono nomi nobili per altisonanza e per provenienza che hanno da sempre surclassato in termini d’immagine il nostro Verdicchio, ma sicuramente dal contenuto all’altezza dei più blasonati competitors. Leggermente dorato nel calice ove traspaiono le bollicine con un bouquet freschissimo ed inebriante lo spumante di Verdicchio conquista i palati più esigenti. Una perfetta simbiosi tra il vitigno marchigiano per antonomasia e le caratteristiche climatiche delle colline dell’entroterra molto simili alla composizione dei territori dello Champagne. 

Eva Kottrova

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | avanti


 






Le Terre del Tartufo

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

 
 
BERT & ASSOCIATI sas - P.IVA 01343010433 - Registrazione Tribunale di Macerata n. 418/98