HOME   CULTURA EVENTI NIGHT LIFE SPORT TURISMO   COMUNI
NEWSLETTER AGRITURISMI |  AZIENDE |  IMMOBILIARI |  RICETTIVITÀ |  RISTORO |  SHOPPING |  CONVENZIONI  CONTATTI
SAN SEVERINO (MACERATA) - RADICI STORICHE DA RISCOPRIRE NELLA ROMANA SEPTEMPEDA
Nei giorni scorsi il sindaco di San Severino Marche, Cesare Martini, ha incontrato il soprintendente Maurizio Landolfi, funzionario responsabile di zona per la Soprintendenza Archeologica delle Marche.

Al centro dell'incontro il desiderio di rilanciare la vocazione turistica del parco archeologico dell’antica Septempeda, uno dei sette parchi riconosciuti dalla Regione Marche con apposita legge. L’Amministrazione comunale ha già avviato negli ultimi mesi un progetto che mira a migliorare la fruibilità dello stesso parco attraverso una nuova viabilità sia urbana che extraurbana. “Vogliamo che San Severino, città chiave della Marca – spiega il sindaco Martini – diventi una delle mete non solo del turismo scolastico ma anche del percorso francescano che proprio di qui passava”. 

L’idea di fondo, su cui Comune e Soprintendenza intendono lavorare insieme, è quella di unire le forze per far sposare il turismo con la cultura e per proporre un itinerario archeologico che unisca il mare ai monti e viceversa. “L’antica strada Septempedana – aggiunge l’archeologo Landolfi – era una delle vie che collegava Roma con l’Adriatico. Su questa direttrice in passato sono state fatte importantissime scoperte come quelle che hanno riguardato l’insediamento di Pitino”.

ANCONA. TRAFFICO INTENSO ALL’AEROPORTO DI FALCONARA

L’aeroporto di Falconara ha registrato un incremento dei voli fino a segnare il nuovo record di  68.731 passeggeri, il 21,5% in più rispetto allo stesso mese del 2010. I viaggiatori sui voli internazionali sono aumentati del 25,6%, quelli sui voli nazionali del 14,3%. Le mete con più richieste sono Tirana (+79,5%), Trapani (+33,7%) e Roma (+7,8%).

Un bilancio soddisfacente c’era già stato nel mese di aprile: nel primo quadrimestre 2011, infatti, i passeggeri in arrivo e partenza da e per lo scalo marchigiano sono stati 154.784. Secondo l’Aerdorica l’aumento del traffico è dovuto anche all’apertura di tre nuove rotte per Parigi, Skopje e Siviglia. Sono positivi i risultati anche delle destinazioni charter per Rodi, Palma di Maiorca e Ibiza. Luglio ha chiuso con il segno più anche per il traffico merci, in crescita dell’11,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

Chiara Giuliodori


LE MARCHE VENGONO RISCOPERTE DALLA CINA
Si è conclusa lunedì 1 agosto la visita di una settimana di 17 operatori turistici cinesi, provenienti da Pechino, Shanghai e Shenzhen, rappresentanti 14 importanti agenzie di viaggi. L’iniziativa promossa dall’assessore al turismo Serenella Moroder mira ad attirare nel territorio marchigiano turisti del sol levante per incrementare gli introiti di questo importante settore.

“La Cina è strategica per la Regione che da tempo, sulla scia di Padre Matteo Ricci, ha avviato collaborazioni e scambi per rinsaldare i rapporti e rilanciare lo sviluppo economico - ha commentato l’assessore Serenella Moroder dall’Hotel Excelsior di Pesaro dove si è tenuta una conferenza stampa a consuntivo dell’iniziativa – I Tour operator cinesi hanno mostrato grande interesse per il nostro territorio ed hanno intenzione di inserire le Marche nei loro itinerari tradizionali che finora prevedevano Roma, Firenze e Venezia. Abbiamo dato loro la possibilità di conoscere le Marche, regione dalle eccellenze da scoprire ma capace di soddisfare le aspettative del turismo cinese alla ricerca della qualità e del lusso. La nostra ambizione è creare pacchetti specifici per il turista che viene in Italia partendo proprio dalle Marche, meta meno conosciuta ma più autentica ed affascinante”.

Chiara Giuliodori

PESARO-URBINO. UN GIOVEDI’ NOTTE SPECIALE PER I CASTELLI DI MAROTTA E MONDOLFO

Sta avendo successo il progetto “Andar per Castelli” promosso da Adriabus. L’iniziativa consiste in un bus notturno che parte tutti i giovedì di luglio ed agosto alle ore 21.05 da Marotta, Piazza Roma e rientra alle ore 24. Meta del viaggio le splendide fortificazioni di Mondolfo e Mondavio. I turisti possono anche scegliere di sostare a San Costanzo (arrivo ore 21,20), Piagge (arrivo ore 21,25), Orciano (arrivo ore 21,30). La visita ai musei, ed ai monumenti di Mondolfo è gratis, grazie alla competente collaborazione dell’Archeoclub d’Italia – sede di Mondolfo. In occasione di queste visite si potrà anche partecipare alle numerose iniziative di intrattenimento che l’estate della provincia pesarese propone. 

Per info: www.comune.mondolfo.pu.it e www.adriabus.eu


Chiara Giuliodori


PER I FRANCESI RECANATI E' IL CENTRO DEL MONDO

"Voi sapete dov'è il centro del mondo?" - domanda ai suoi lettori Philippe Thureau, noto giornalista francese editorialista di Le Monde, prima di rispondere per loro che il centro del mondo non si trova in una delle grandi capitali della Terra ma in una cittadina di collina del centro Italia che si chiama Recanati

Avete capito bene, per il giornalista francese la città leopardiana rappresenta il non plus ultra da visitare. Una cittadina ricco di cultura, storia, arte tradizione e incantevoli e incontaminati orizzonti e paesaggi. Tale convinzione spinge Thureau a dedicare ben quattro pagine de "L'Ulisses", inserto culturale e turistico di Le Monde, primo quotidiano francese, proprio a Recanati. "La straordinaria ricchezza artistica e culturale della nostra città cattura sempre di più l'interesse del turismo estero - dice il sindaco Francesco Fiordomo- Grandi meriti vanno sicuramente alla straordinaria politica di promozione curata dalla Regione attraverso un testimonial d'eccezione come Dustin Hoffman, ma non dimentichiamo le nostre operazioni culturali che hanno acceso più volte l’interesse della cronaca nazionale. Basti pensare alla mostra su Lorenzo Lotto alle Scuderie del Quirinale e il Progetto Leopardi-Tolstoj per il quale i massimi quotidiani nazionali hanno dedicato la doppia pagina culturale". Nell'articolo ampio spazio viene dedicato a Leopardi ma anche ai musei, con grande attenzione a Lorenzo Lotto e Beniamino Gigli, e alle chiese.


MARCHE, MARCHE, MARCHE PARTE QUARTA (E ULTIMA)
Rifacendoci all’adagio latino “IN MOTU VITA”, in tempi di pigrizia diffusa, dovuta alla tecnologia, che ci dispensa dal fare, dal pensare e da una buona dose di esercizio fisico dovremmo riscoprire la bellezza del camminare e del muoversi all’aria aperta.

Già per i Greci, come si apprende in “storia dell’educazione“ di Mario Alighiero Manacorda edito per la TEN “non c’è maggior gloria di quella che si conquista con le braccia e con i piedi“ (Odissea VIII, 147-148) notizia di pagina 16. Quindi la ginnastica ha un ruolo importantissimo tant'è che per etimologia è passata nel Ginnasio da molti provenendo da una formazione classica ben ricordato.

Per chi vuole conoscere Le Marche adeguandosi a quanto detto sopra si consiglia il libro di Stefano Ardito dal titolo :”A piedi nelle Marche”,utile per scoprire borghi antichi e per cogliere aspetti della regione che per colpa del frenetico vivere passano inosservati. Ricordiamoci che ogni viaggio nelle sue accezioni di fuga, pellegrinaggio, scoperta, comincia sempre con un passo.

Quindi mettetevi in marcia!!!!!

LEONI Marco 2011

ANCONA. IL VERDICCHIO E LE GROTTE DI FRASASSI: UN OTTIMO CONNUBIO

L'Istituto Marchigiano di Tutela Vini in collaborazione con Regione Marche, Provincia di Ancona, Camera di Commercio di Ancona, Consorzio Frasassi, Associazione Albergatori Ristoratori e Bar di Frasassi e con le associazioni professionali di categoria (Coldiretti, Cia, Copagri e Unione Agricoltori) ha promosso un’iniziativa unica nel suo genere, giunta ormai alla sua quinta edizione. Si tratta del progetto “Fresco di grotta. Il verdicchio riposa nelle viscere della terra!”: un’idea che lega l’enogastronomia, ed in particolare il Verdicchio, alle bellezze paesaggistiche delle Grotte di Frasassi.

A partire dal 25 giugno, un percorso espositivo dedicato al Verdicchio, accompagnerà per l'intero periodo estivo ed autunnale i visitatori che attraverseranno il pre-ingresso delle grotte, mentre presso le 19 cantine aderenti al progetto si potranno degustare ed acquistare i migliori vini della Provincia di Ancona. Inoltre, esibendo il biglietto d'ingresso presso i bar ed i ristoranti di Genga, i visitatori potranno godere di un trattamento privilegiato.

Chiara Giuliodori


LE MARCHE SONO AL 2° POSTO NELLA CLASSIFICA NAZIONALE DELLE SPIAGGE PIU’ PULITE
Nella giornata di ieri si è tenuta la cerimonia di premiazione delle spiagge marchigiane presso il Castello Svevo di Porto Recanati. ”Abbiamo deciso di celebrare l’importante riconoscimento a Porto Recanati, per poi coinvolgere negli anni futuri gli altri Comuni costieri – ha spiegato l’assessore al Turismo, Serenella Moroder - perché il traguardo raggiunto è costituito da un vero e proprio gioco di squadra - anzi da un ‘equipaggio’ che sa affrontare le difficoltà - in cui la tensione verso la qualità è impegno costante e profuso a tutti i livelli.

La Regione Marche si conferma, per il secondo anno consecutivo, al secondo posto nazionale, dopo la Liguria e insieme alla Toscana. Il riconoscimento della Bandiera Blu è stato assegnato a Gabicce Mare, Pesaro, Fano, Mondolfo-Marotta nella provincia di Pesaro e Urbino; Senigallia, Ancona- Portonovo, Sirolo, Numana in provincia di Ancona; Porto Recanati, Potenza Picena- Porto, Civitanova Marche in provincia di Macerata; Cupra Marittima, Grottammare, San Benedetto del Tronto in provincia di Ascoli Piceno; Porto Sant'Elpidio e Porto San Giorgio nella provincia di Fermo. “La nostra Regione con ben 16 Bandiere Blu - ha commentato con soddisfazione l’assessore Moroder – è risultata tra le più premiate in Italia a dimostrazione del costante impegno che coinvolge le istituzioni, gli operatori e i cittadini per l’innalzamento della qualità delle strutture turistiche e dell’offerta dei servizi”. .

Chiara Giuliodori

MARCHE A TAVOLA
Le Marche sono uno scrigno di eccellenze: in periodo di rincari dei prezzi e ribassi dei salari, con conseguente aumento del caro vita, dovremmo trovare strategie per risparmiare e alcune sono queste:
1) Già buono sarebbe rispettare la stagionalità dei prodotti.
2) Ridurre il trasporto su gomme.
3) Acquistare i prodotti con la mentalità condominiale ,ossia con la strategia G. A.S. (gruppi acquisti solidali).
4) Preferire prodotti a Km 0

Dal libro: “Mangiare bene, spendendo poco “ edito da Touring editore, sappiamo che le eccellenze marchigiane sono svariate, eccone un nutrito elenco :

Formaggi:
Caciotta DOP di Urbino
Formaggio di Fossa di Talamello
Pecorino di botte
Pecorino dei Sibillini

Salumi:
Porchetta delle Marche
Prosciutto DOP di Carpegna
Salame di Fabriano
Salumi del Montefeltro

Paste e cereali:
Farro delle Marche
Maccheroncini di Campofilone

Ortaggi,salse e conserve:
Carciofo di Montelupo
Ortaggi di Jesi e Fano
Cicerchia dell’Appennino Marchigiano
Cipolla di Suasa
Olive (ripiene ) all’Ascolana
Olive (in salamoia ) all’Ascolana
Roveja dei Sibillini
Salsa di olive

Frutta e prodotti spontanei:
Funghi dell’Appennino Marchigiano
Fichi (secchi)
Marroni del Montefeltro

Condimenti :
Olio extra vergine DOP d’oliva di Cartoceto

Vini e liquori :
Falerio dei colli ascolani
Rosso Conero DOC / DOCG
Rosso Piceno DOC
Verdicchio dei castelli di Jesi
Verdicchio di Matelica
Mistrà (liquore di Anice )

Vi ho offerto sia un buon menù per una ricca cena ,sia un elenco di prodotti magari a lungo cercati e non ancora trovati. Al goloso ,al curioso dico: Vieni, vedi, magna, bevi, godi.

LEONI MARCO 2011

GRADARA: ESTATE DA GUSTARE FA IL BIS
Doppio appuntamento quest’anno a Gradara con l’enogastronomia di qualità. Confermati i mercoledì a km zero con i gustosi menù di “Solsfizio al Castello”, l’iniziativa nata nel 2009 che ha riscosso tanto successo, dove il piacere per la buona tavola incontra lo sviluppo sostenibile. Quest’anno Solsfizio sarà ancora più ricco grazie alla collaborazione con alcune selezionatissime aziende agroalimentari della zona che proporranno un aperitivo (ovviamente a km zero!) con degustazione dei propri prodotti, tutti i mercoledì dalle 19,00.

I ristoranti continueranno a proporre menù completi attingendo all’inesauribile fonte della tradizione locale o riadattando antiche ricette secondo il loro estro a patto che utilizzino esclusivamente prodotti del nostro territorio, il tutto all’incredibile prezzo di 15,00 €*.

La novità del 2011 si chiama “Mangialafoglia”, sempre una serata enogastronomica dedicata, però, agli amici vegetariani o a chiunque voglia prendersi una piccola vacanza dalla carne. Tutte le domeniche sera, fino al 18 settembre, i ristoranti di Gradara prepareranno stuzzicanti menù a base di verdure, ideali nelle calde serate estive, nel periodo dell'anno in cui la natura offre il meglio di sé mettendoci a disposizione un'infinita scelta di frutta, verdura e ortaggi.

Una gioiosa varietà di forme e colori che i ristoratori di Gradara tenteranno di interpretare sistemando, all’esterno dei propri locali, delle invitanti composizioni di prodotti della terra, cercando di stuzzicare la curiosità (e l’appetito!) dei visitatori.

”Un’estate di Gustare rappresenta uno splendido esempio di sinergia tra enti, associazioni e privati. – Afferma il Sindaco di Gradara Franca Foronchi – Tutti insieme lavoriamo per realizzare un evento dedicato alla promozione e valorizzazione delle ricchezze agroalimentari del nostro territorio. Comune, Pro Loco e ristoratori, uniti per diffondere l’abitudine al mangiare bene e mangiare sano utilizzando prodotti locali ed equilibrando la propria dieta. I mercoledì e le domeniche enogastronomiche di Gradara cominceranno il 15 giugno e ci accompagneranno per tutta l’estate fino al 18 settembre, un doppio appuntamento settimanale con i buoni sapori della nostra tavola. Mangiate bene e vivrete meglio!”

“Quello che ci sta più a cuore – afferma Sandro Alessi, Presidente della Pro Loco di gradara – è promuovere Gradara valorizzando la sua ricca tradizione agroalimentare e sensibilizzare l'opinione pubblica incentivando l'utilizzo dei prodotti che rispettino una filiera produttiva e di trasporto il più “corta” possibile, generando un atteggiamento consapevole nei confronti del consumo di alimenti che porterebbe notevoli benefici per l'ambiente e la salute”.

Gradara si trova in una posizione di confine tra due Regioni, Marche e Romagna; un confine molto importante perché non soltanto politico ma con una forte valenza culturale, testimoniata da un passato piuttosto turbolento che ha visto scontrarsi tradizioni diverse, soprattutto quelle dell'entroterra e della costa.

Questo incontro/scontro tra storie e culture diverse ha contribuito a creare la bellezza del nostro territorio (uno dei più incastellati della penisola) e a renderlo estremamente ricco anche sotto l'aspetto della tradizione enogastronomica, un'originale unione tra due e forti identità quella romagnola e quella marchigiana. Il nome stesso Gradara, come quello di una delle sua frazioni, Granarola, indica un passato in cui l'agricoltura, almeno per quanto riguarda la produzione di frumento, rappresentava l'attività prevalente, tanto da lasciare una testimonianza nella toponomastica del territorio.

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | avanti


 






Le Terre del Tartufo

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

 
 
BERT & ASSOCIATI sas - P.IVA 01343010433 - Registrazione Tribunale di Macerata n. 418/98