HOME   CULTURA EVENTI NIGHT LIFE SPORT TURISMO   COMUNI
NEWSLETTER AGRITURISMI |  AZIENDE |  IMMOBILIARI |  RICETTIVITÀ |  RISTORO |  SHOPPING |  CONVENZIONI  CONTATTI
SMARTPHONE SEMPRE CARICO SOTTO Lchr(39)OMBRELLONE - SUCCESSO MADE IN MARCHE
SMARTPHONE SEMPRE CARICO SOTTO L'OMBRELLONE - SUCCESSO MADE IN MA...
Per tanti, e non solo per i giovanissimi, il tablet ma soprattutto lo smartphone sono divenuti strumenti fondamentali per la vita di tutti i giorni, quasi un'appendice del proprio corpo con cui essere sempre connessi ad amici, familiari e tutti i contatti della propria vita. A volte poi, anche se si è in vacanza, si è costretti a controllare di tanto in tanto la mail e quindi anche per ragioni lavorative il cellulare diventa uno strumento fondamentale.

Ecco dunque che per tutte queste ragioni, risulta essere sempre più fondamentale avere il proprio device sempre pronto all'uso e soprattutto con la batteria carica. La soluzione pensata da Power Bank Point, il sito Made in Marche, sta riscuotendo un grandissimo successo in tantissime spiagge italiane.

Di cosa si tratta? Di una soluzione pensata appositamente per stare sotto l'ombrellone, uno stand con cui avere un caricabatterie con quattro prese USB con cui caricare più dispositivi allo stesso tempo.

Il set power bank per ombrellone è stato acquistato da tantissimi stabilimenti balneari a nord, a sud, al centro e nelle isole. C'è chi lo dà in noleggio con un piccolo sovraprezzo rispetto ai costi di ombrellone, sdraio e lettini, chi invece lo propone come un omaggio a chi si reca in spiaggia per un periodo di tempo più lungo (dalla settimana in sù) con il risultato che chi offre questo servizio sta ottenendo recensioni più positive sul sito principe delle destinazione delle vacanze. Ovviamente ci stiamo riferendo a TripAdvisor che da anni ha allargato i propri confini virtuali aggiungendo tutte le mete di viaggi oltre ai tradizionali hotel, ristoranti e pizzerie.

A tal proposito, Power Bank Point propone anche soluzioni pensate proprio per i ristoratori, con caricabatterie che presentano caratteristiche aggiuntive come un mini schermo led su cui trasmetter spot tv o slide show di immagini.

In un mondo sempre più connesso e globale, essere senza cellulare sembra quasi una eresia eppure soltanto 20 anni fa l'utilizzo di telefoni portatili si iniziava a diffondere capillarmente. Altri 10 anni ci sono voluti per iniziare a parlare di smartphone fino ad arrivare ai giorni nostri con gioielli di tecnologia dalle dimensioni ridotte ma con una potenza incredibile, quasi alla pari con notebook e PC fissi.

E la prossima tappa secondo voi quale sarà?

  leggi articolo  
Radio Meteo Link utili Giochi
Meteo Marche
MACERATA: MARTEDI LO SFERISTERIO DIVENTA IL TEMPIO DELLA DISCO MUSIC ...
MACERATA:  MARTEDI LO SFERISTERIO DIVENTA IL TEMPIO DELLA DISCO MUSIC CON AMII STEWART Count down finale per lo spettacolo che martedì sera trasformerà l’arena Sferisterio nel tempio della disco music, grazie al Maestro Gerardo di Lella che con la sua Pop O’rchestra composta da ventidue elementi, nove fiati, ben sei cantanti e doppia ritmica accompagnerà la mitica voce di una delle piu’ grandi interpreti mondiali della disco music Amii Stewart .

“L’ultima volta che sono stata a Macerata è stato nel 2011 a Musicultura– ha dichiarato Amii Stewart - ritornare per esibirmi in concerto con la musica anni 70 mi riempie di gioia. Lo Sferisterio è un teatro affascinante che ti riporta indietro nel tempo e ti commuove. Ammetto di sentire un brivido lungo la schiena al pensiero di cantare di nuovo d'avanti ad una platea attratta dalla bella musica.”

Un grande show targato Anni 70 dal titolo: “Dance Era”, uno spettacolo unico che farà rivivere l’inconfondibile sound della “disco music” degli anni settanta, l'energia e la magia di quel periodo con i suoni e gli arrangiamenti della grande orchestra del Maestro Gerardo Di Lella, uno dei più creativi e versatili direttori d’orchestra di musica extra colta, che con la sua orchestra ha diretto i più importanti artisti internazionali, solo tra gli ultimi: Tony Hadley, Dianne Schuur e Gloria Gaynor.

“Sono felice di offrire al pubblico dello sferisterio un’occasione quasi unica – ha dichiarato il M° Gerardo Di Lella - per ascoltare questo tipo di repertorio rispettando quello che era il colore originario di questo linguaggio, il cosiddetto “Philly Sound” ovvero il famosissimo TSOP : The Sound Of Philadelphia.

In questa musica convivevano per la prima volta il classico colore della ritmica Soul e R&B con il suono dell’orchestra occidentale dove ha sempre dominato il colore degli archi, Love’s Theme di Barry White ne è un grandissimo esempio.

Grazie alla mia orchestra, l’intento è quello di proporre al pubblico questa musica con il sapore originale, allo Sferisterio avrò ben nove strumenti a fiato, sei cantanti che fanno da coro e una doppia ritmica. Avremo realmente un suono unico.”

Uno show imperdibile domani sera 29 agosto con una delle voci più conosciute e amate della musica internazionale. Ad impreziosire l’evento della data dell’Arena Sferisterio di Macerata, una ricorrenza speciale: i 40 anni dalla pubblicazione della canzone Knock on Wood”, che, nell'interpretazione di Amii Stewart divenne la hit planetaria che conosciamo tutti: l'artista americana, alla fine del 1977, raggiunse il primo posto nella Billboard Hot 100 con una vendita che raggiunse in quel solo anno oltre 8 milioni di copie.

Lo Sferisterio si tingerà dei suoi colori più sfavillanti e diventerà per un’ imperdibile magica notte il Tempio della “Disco” tra i titoli in scaletta per l’evento: ‘Le Freak’ degli Chic, ‘Cuba’ dei Gibson Brothers, ‘Can't Take My Eyes Off Of You’ di Gloria Gaynor, ‘The Best Disco in Town’ di Ritchie Family e ‘YMCA’ dei Village People, ‘Mamma Mia’ e ‘Waterloo’ degli Abba, e moltissimi altri…

Sarà anche la notte dell’omaggio di Amii Stewart all’indimenticabile Donna Summer, "The Queen of Disco", con un emozionante medley, a cinque anni dalla sua scomparsa: un appuntamento imperdibile per un’immersione nel magico sound che ha fatto e tutt’ oggi fa ballare e sognare intere generazioni.

I biglietti per partecipare ad “Anni 70 Dance Era” sono disponibili nelle biglietterie dell’ AMAT e sul circuito VivaTicket. http://bit.ly/2tP35JS
LO SFERISTERIO DIVENTA IL TEMPIO DELLA DISCO MUSIC CON AMII STEWART IL...
LO SFERISTERIO DIVENTA IL TEMPIO DELLA DISCO MUSIC CON AMII STEWART IL 29 AGOSTO Amii Stewart è l’attesa protagonista di un grande concerto di dance music degli anni 70 all’Arena Sferisterio di Macerata il prossimo 29 agosto.

La leggendaria “Knock on wood” compie 40 anni ed Amii Stewart offrirà al grande pubblico dello Sferisterio di Macerata la sua hit planetaria ed il meglio della Dance Music con un imperdibile omaggio a Donna Summer.

Un grande show targato Anni 70 dal titolo: “Dance Era”, uno spettacolo unico che farà rivivere l’inconfondibile sound della “disco music”
degli anni settanta, l'energia e la magia di quel periodo con i suoni e gli arrangiamenti della grande orchestra del Maestro Gerardo Di Lella la Pop O’rchestra.

Gerardo Di Lella
, uno dei più creativi e versatili direttori italiani, con la sua orchestra ha diretto i più importanti artisti internazionali tra gli ultimi: Tony Hadley, Dianne Schuur e Gloria Gaynor, proporrà uno show indimenticabile il prossimo 29 agosto con una delle voci più conosciute e amate della musica internazionale. Ad impreziosire l’evento della data dell’Arena Sferisterio di Macerata, una ricorrenza speciale: i 40 anni dalla pubblicazione della canzone “Knock on Wood”, che, nell'interpretazione di Amii Stewart divenne la hit planetaria che conosciamo tutti: l'artista americana, alla fine del 1977, raggiunse il primo posto nella Billboard Hot 100 con una vendita che raggiunse in quel solo anno oltre 8 milioni di copie.

Lo Sferisterio si tingerà dei suoi colori più sfavillanti e diventerà per un’ imperdibile magica notte il Tempio della “Disco” grazie alla Pop O’rchestra composta da 22 elementi, 9 fiati, ben 6 cantanti e doppia ritmica diretta dal Maestro Gerardo Di Lella, ideatore e regista dello show, che riproporrà l’atmosfera originale dei brani più celebri ed emozionanti di quegli anni.

Tra i titoli in scaletta per l’evento: ‘Le Freak’ degli Chic, ‘Cuba’ dei Gibson Brothers, ‘Can't Take My Eyes Off Of You’ di Gloria Gaynor, ‘The Best Disco in Town’ di Ritchie Family e ‘YMCA’ dei Village People, ‘Mamma Mia’ e ‘Waterloo’ degli Abba, e moltissimi altri…

Sarà anche la notte dell’omaggio di Amii Stewart all’indimenticabile Donna Summer, "The Queen of Disco", con un emozionante medley, a cinque anni dalla sua scomparsa: un appuntamento imperdibile per un’immersione nel magico sound che ha fatto e tutt’ oggi fa ballare e sognare intere generazioni.

I biglietti per partecipare ad “Anni 70 Dance Era” sono disponibili nelle biglietterie dell’ AMAT e sul circuito VivaTicket.



   

TERREMOTO, TERZONI (M5S): NELLE MARCHE CARO-AFFITTI VERGOGNOSO. INTERVENGANO LE PREFETTURE
Purtroppo non sorprende, per quanto riguarda le case, il repentino aumento degli affitti nei comuni interessati dagli eventi sismici di fine ottobre e nei centri dove è stata imbastita la prima accoglienza: anche in passato di fronte a calamità naturali analoghe in Italia si sono registrati scandalosi fenomeni speculativi.

La politica però, così come per i container e per le altre strutture “provvisorie”, va a passo di lumaca anche nell’arginare questi trend vergognosi: non è possibile che in una regione “fiaccata” dal sisma come le Marche ci sia chi miri indisturbato a fare soldi sulla pelle delle famiglie che hanno perso la casa. Anche dall’Ufficio Emergenza Terremoto di Civitanova Marche, attivato a Palazzo Sforza all’indomani delle scosse del 26 ottobre con l’arrivo nella località costiera dei primi sfollati, ci hanno confermato diverse rimostranze di cittadini che si sono visti chiedere cifre spropositate soltanto per un piccolo bilocale.

E da Porto Sant’Elpidio a San Severino Marche, dalla zona di Camerino fino a Fabriano, città dove vivo, le segnalazioni circa il fenomeno del caro-affitti si contano nell’ordine di diverse decine, al pari di quelle sul boom delle richieste per camper e roulotte, i cui prezzi sono saliti alle stelle un po’ in tutta la regione come ha denunciato il sindaco di Belforte del Chienti. Di fronte a certe anomalie del tutto ingiustificate ho chiamato in causa con un’interrogazione la presidenza del Consiglio dei Ministri, chiedendo che attraverso le prefetture si arrivi presto a un monitoraggio di questi fenomeni che hanno tutto il sapore dello sciacallaggio più puro. Attendiamo risposte tempestive: è vergognoso che di fronte ad un dramma di tali proporzioni ci sia chi ancora si permette di fare il furbo”.

E’ quanto afferma in una nota la portavoce del Movimento 5 Stelle presso la Camera dei Deputati On. Patrizia Terzoni.

SGARBI: CAPRA CHI HA PAURA DEL TERREMOTO. SAN SEVERINO BELLISSIMA
San Severino Marche è una città bellissima. Io ci ho fatto il sindaco in tempi lontani e ne ho ancora nostalgia. Così Vittorio Sgarbi, il critico d'arte più famoso d'Italia, in un videomessaggio girato dall'associazione Vivere San Severino e dedicato a San Severino Marche e a tutti i settempedani. Una riflessione condivisa già da molti sui social che si apre con una riflessione: “E' una città difficile da raggiungere ma capace di resistere e scappare anche al terremoto. Alcuni abitanti, a causa del sisma, devono essere ospitati altrove per i danni che anche qui ci sono stati ma il cuore della città non è stato colpito.

Il cuore della città è vivo - dice Sgarbi che lancia anche un appello - Evitare San Severino è come evitare sé stessi. In occasione magari delle vacanze natalizie non ci sarà niente di peggio che dire: “Non vado a San Severino perché c'è il terremoto”. Perché il terremoto è un nemico sconfitto, il terremoto non può vincere e, se dovesse essere più forte della vita degli uomini, allora è meglio che uno vada direttamente al cimitero a vivere. La città di San Severino Marche - prosegue il noto critico d'arte - è viva perché le persone che sono lì continuano a fare cose e viverla. Vedere la bellezza di San Severino significa vederla e viverla per sempre”. Poi, utilizzando un'espressione a lui cara, Sgarbi conclude con un messaggio a non avere paura: “Chi ha paura del terremoto - dice - è una capra”.
   
TERREMOTO, TERZONI (M5S): OSPEDALE DI AMANDOLA ESEMPIO DI ERRORE DA NO...
TERREMOTO, TERZONI (M5S): OSPEDALE DI AMANDOLA ESEMPIO DI ERRORE DA NON RIPETERE PER LA RICOSTRUZIONE. CASO IN PARLAMENTO Mentre accogliamo con soddisfazione il primo sì del governo, seppur provvisorio, ai 100 milioni extra da inserire in legge di Bilancio per il solo 2017 da investire tutti nella ricostruzione, invitiamo però gli stessi membri dell’esecutivo a dar vita a una commissione o a una struttura simile composta da esperti che possano controllare con puntiglio tutti i lavori, sia nella fase di progettazione sia in quella di realizzazione. Ci sono troppi errori commessi nel passato che non vogliamo che si ripetano. Il caso più eclatante, almeno per quanto riguarda le Marche, è quello dell’ospedale di Amandola, centro dell’entroterra marchigiano in provincia di Fermo. Dopo il sisma dello scorso 24 agosto, gran parte della struttura fu dichiarata inagibile e i reparti di chirurgia e medicina generale trasferiti proprio a Fermo. In seguito alle scosse dello scorso 26 ottobre, la struttura è stata definitivamente chiusa: la parte in cemento armato ha retto, ma sono crollati praticamente tutti i muri divisori. Circostanza che già dopo la scossa di agosto ha portato la Procura di Ascoli ad aprire un fascicolo per disastro colposo: sul nosocomio in questione infatti furono effettuati dei lavori dopo il sisma del 1997, che pure non arrecarono arrecato troppi danni alla struttura. A quanto sembra, e alla luce dei numerosi crolli di questo 2016, i fondi stanziati pare furono utilizzati per semplici interventi di ripristino senza operare un vero e proprio adeguamento antisismico. Ho presentato sul caso un’interrogazione parlamentare proprio questa settimana: non esiste che un pur piccolo ospedale già terremotato subisca vent’anni dopo danni ancora più rilevanti. Il caso di Amandola è l’esempio più lampante degli errori da non ripetere: il governo ha l’obbligo di vigilare attraverso una apposita struttura. Noi, intanto, vigileremo su di esso.


E’ quanto afferma, in una nota, la portavoce del Movimento 5 Stelle presso la Camera dei Deputati On. Patrizia Terzoni.
TERREMOTO: LEGACOOP MARCHE, 300 POSTI DI LAVORO A RISCHIO

TERREMOTO: LEGACOOP MARCHE, 300 POSTI DI LAVORO A RISCHIO A rischio almeno 300 posti di lavoro. Da una prima stima fatta da Legacoop Marche fra le imprese aderenti, emerge che i settori più colpiti dal secondo terremoto, che interessa l’area dal 26 ottobre, sono quelli del sociale e della produzione lavoro delle cooperative che operano nel maceratese.

Lo spopolamento del territorio ha causato l’interruzione dei servizi erogati per conto delle amministrazioni pubbliche, servizi domiciliari, nelle case di riposo e per la pulizia delle scuole. Bloccata anche le attività di una cooperativa agro-forestale che fornisce servizi forestali nel Parco nazionale dei Monti Sibillini.

“L’occupazione di questa zona delle Marche è fortemente a rischio – dice il presidente di Legacoop Marche, Gianfranco Alleruzzo -, ma stiamo verificando la situazione anche nelle altre province, specie in quella di Ascoli Piceno. Per le cooperative che hanno dovuto interrompere il lavoro chiediamo subito l’applicazione di ammortizzatori sociali per i dipendenti interessati, l’unico strumento in grado di poter dare sollievo in questo momento di blocco forzato”. Al momento non si segnalano danni di rilievo agli immobili e alle strutture produttive delle cooperative ma il monitoraggio è ancora in corso. “Sono giorni terribili, che sembrano non avere mai fine – aggiunge Alleruzzo -, la terra continua a tremare e quella che fino pochi giorni fa era una tragedia, si è trasformata in una catastrofe. Legacoop Marche è impegnata al fianco dei cittadini colpiti nei loro affetti e averi. Ed è vicina anche ai tanti cooperatori e cooperatrici marchigiane che stanno soffrendo. Ora è il momento dell'emergenza e la cooperazione sta offrendo il suo aiuto concreto, stiamo assistendo con sgomento all'esodo di migliaia di persone che, nel giro di poche ore, sono state costrette a lasciare i loro paesi”.

A queste persone, dice ancora Alleruzzo, “facciamo una promessa: ci saremo anche oltre la ricostruzione. Perché nella ricostruzione è indispensabile investire nelle realtà locali, che dovranno prendere vita su nuove basi relazionali, sociali ed economiche. Una ricostruzione che dovrà essere un mix di partecipazione attiva dei cittadini, di impegno delle realtà locali e delle istituzioni e di risorse economiche, ma anche umane e culturali non solo nazionali. Per questo stiamo agendo per realizzare le migliori condizioni per le nuove comunità che verranno: radicate nel territorio e aperte al mondo. La ricostruzione ha bisogno di progetti che rendano attrattive le nuove comunità che nasceranno a seguito del sisma. Progetti che abbinino sviluppo economico, turismo, nuove forme di socialità e solidarietà, crescita culturale e valorizzazione del patrimonio locale. Progetti che invertano la deriva allo spopolamento che questi territori hanno conosciuto in questi anni. Legacoop c'è e ci sarà offrendo il suo contributo per superare assieme la grande catastrofe che ci ha colpito”.
   

TERREMOTO, SOLIDARIETA DA RECORD PER SAN SEVERINO: STOP A INVIO GENERI DI PRIMA NECESSITA'

Il sindaco di San Severino Marche, Rosa Piermattei, invita i cittadini a sospendere le raccolte di generi di prima necessità da destinare ai terremotati settempedani.

“In riscontro a un appello lanciato in queste ore - sottolinea il primo cittadino in una nota – abbiamo avuto una risposta che sicuramente non potevamo aspettarci. La mobilitazione della cittadinanza, cui l’appello era rivolto, ha superato i confini di San Severino ed ha interessato l’Italia intera. Come Amministrazione vogliamo ringraziare tutti, ma proprio tutti – aggiunge il sindaco Piermattei, che prosegue - Ci sono persone, enti, aziende che ci hanno fatto sentire un’unica famiglia. Un gesto bellissimo che ci ha riempito d’orgoglio. L’Italia è un Paese straordinario e anche in questa situazione lo ha dimostrato. A nome di tutti i settempedani vorrei dire ancora grazie”.





TERREMOTO, TERZONI (M5S): CENTRI DI ACCOGLIENZA E RESIDENCE ACCOLGANO CHI HA ANIMALI DOMESTICI
In queste ore drammatiche le emergenze da affrontare sono tante nelle Marche, ma oltre alle persone tra gli sfollati ci sono anche tanti animali domestici come cani e gatti, strappati ai mucchi di macerie sparsi qua e là sull’Appennino umbro-marchigiano. Nei giorni scorsi ci sono arrivate alcune segnalazioni di cittadini con la casa inagibile ai quali sono stati fatti molti problemi nei centri di accoglienza e in alcuni residence della riviera perché in possesso di amici a quattro zampe. Anche su Twitter abitanti di Ussita e Visso che si sono dovuti allontanare dalle proprie abitazioni distrutte hanno esternato più di una rimostranza. Potrebbe sembrare una cosa di poco conto, ma non lo è: questa gente ha perso tutto e costringerla a separarsi dai propri animali domestici è un ulteriore patema d’animo. 

Per questo faccio un appello a tutte le meravigliose persone che in questi giorni si stanno occupando dell’accoglienza degli sfollati: non dividete chi è rimasto senza casa dai suoi inseparabili “amici”. Lo so, la cosa potrà creare qualche disagio, ma è giusto trovare una soluzione decorosa anche per cani e gatti al fine di non accentuare la drammaticità di questi momenti. Mi associo dunque all’appello dell’ENPA, l’Ente Nazionale Protezione animale, che si è reso disponibile a dare il suo contributo per trovare ricovero agli animali senza più un tetto. Ai tanti straordinari esempi di dignità che abbiamo potuto osservare in questi giorni sarebbe opportuno aggiungere anche questo.

E’ quanto afferma, in una nota, la portavoce del Movimento 5 Stelle presso la camera dei Deputati On. Patrizia Terzoni.



   
TUTTI GLI ARTICOLI  
 
 
 
 






Le Terre del Tartufo

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

Marcheguida Sponsor

 


BERT & ASSOCIATI sas - P.IVA 01343010433 - Registrazione Tribunale di Macerata n. 418/98